Júhuā

菊花

Bucio di culo

Letteralmente vorrebbe dire crisantemo, come nel 菊花茶 il tè ai crisantemi, ma data la sua forma che ricorda un bucio di culo, vuol dire… bucio di culo tale e quale al più formale e quasi noioso 肝门 ganmen (da non confondere con gemen).

Quindi se si dice 爆菊花 bào júhuā non si sta parlando di far esplodere un crisantemo, ma di fare del sesso anale. Praticamente ti stanno a dire “ti sfondo il culo”. Sarà quello che piace fare ai compagni e ai jiyou.
Curiosità: in Cina si dice che quando si entra in prigione si ha un crisantemo, ma quando si esce si ha un girasole. Chissà perché?

Esempi:
• 你要记住,菊花进监狱以后就变成向日葵了。
Nǐ yào jì zhù, júhuā jìn jiānyù yǐhòu jiù biàn chéng xiàngrìkuíle.
Ricordati, se vai in prigione il tuo crisantemo diventa un girasole.
• 爆菊的感觉是什么样的?
Bào jú de gǎnjué shì shénme yàng de?
Cosa si prova a fare sesso anale?

jī yǒu

基友

Amici molto intimi

Quando due amici (tassativamente maschi) son sempre assieme e non è chiaro se gli piace buttarselo a vicenda, ecco che sei in presenza di due jiyou (da non confondere con jiayou !)

Indica sia una coppia di tongzhi, che due gemenr un po’ troppo affiatati

Esempi:

• 他们俩是不是好基友。
Tāmen liǎ shì bùshì hǎo jīyǒu.
Loro due sono amici intimi?

Bǎihé

百合

amiche intime

indica un paio di ragazze a cui piace sforbiciare come se non ci fosse un domani.

Intende sia una coppia di lesbiche, che due amiche così amiche ma proprio amiche amiche amiche che qualche malelingua potrebbe pensare che siano due sgranocchia patate.

Poi oh, fate quello che volete nel vostro tempo libero, non sono mica qui io a giudicare.

PS se mi mandate pure un video giallo son pure più contento.

ah, e quasi dimenticavo: c’è pure il corrispettivo maschile jiyou (da non confondere con jiayou !!)

Esempi:
• 百合是两个女孩儿之间的爱情。
Bǎihé shì liǎng gè nǚháiér zhī jiān de àiqíng.
Baihe indica un amore tra due donne.

Mài chūyè

卖初夜

vendere la verginità

se sei un po’ come la Fico… che ti devo dire?

Spero solo che se sei una modella di fama (inter)nazionale, almeno ti capiti un gaofushuai e non un tuhao. Poi fai come vuoi

Esempi:
• 我听说这个明星卖过她初夜,挣了20万美元。
Wǒ tīng shuō zhège míngxīng màiguò tā chūyè, zhēngle 20 wàn měiyuán.
Ho sentito che questa star ha venduto la sua verginità, guadagnando 200.000 dollari.
• 他妹妹没钱,所以为了给爸爸买药就把自己的初夜给卖了。
Tā mèimei méi qián, suǒyǐ wéi le gěi bàba mǎi yào jiù bǎ zìjǐ de chūyè gěi màile.
La sua amica non ha soldi, quindi ha venduto la propria verginità per comprare le medicine al padre.

sporcaccione

Quell’amico che non la smette mai di fare allusioni e battutine a doppio senso perché in fondo è un po’ mensao.

Esempi:
• 你给我推荐一个比较污但比较有名的小说。
Nǐ gěi wǒ tuījiàn yīgè bǐjiào wū dàn bǐjiào yǒumíng de xiǎoshuō.
Mi consigli un romanzo abbastanza piccante che sia anche famoso?
• 这首歌真tm的太污了。
Zhè shǒu gē zhēn tm de tài wūle.
Questa canzone è davvero porca, cazzo.

Mèn sāo

闷骚

timidamente molesto

Quelle persone che sembrano timide, magari un po’ impacciate ma non appena si sentono un attimo a proprio agio sono dei veri e propri sporcaccioni estremamente wu ma senza arrivare a liuniaoxia

Letteralmente è composto da due parti: 闷 mèn, “oppresso” o “sigillato”; e 骚 sāo, abbreviazione di 骚扰 sāorǎo, “molesto”.

Esempi:
• 90后对人最坏的评价是闷,最好的评价是闷骚。
90 hòu duì rén zuì huài de píngjià shì mèn, zuì hǎo de píngjià shì mènsāo.
Per i nati dopo gli anni ‘90, il peggior giudizio che possono esprimere su una persona è “mèn”, il migliore è “mèn sāo”.
• 闷骚男是指外冷内热。
Mènsāo nán shì zhǐ wàilěng nèirè.
L’uomo mensao è quello freddo fuori e caldo dentro.
• 这个动漫适合闷骚看。
Zhège dòngmàn shìhé mènsāo kàn.
Questo cartone è adatto ai mensao.

Chūguǐ

出轨

Tradire

chū significa “uscire” e 轨 guǐ “binario”. Quindi questo termine significa letteralmente “deragliare”.
Se 出轨 chūguǐ viene usato in riferimento ad una persona s’intende che ha commesso un tradimento, uscendo dai binari del matrimonio.

Del resto, la vita coniugale è veramente come il percorso del treno, dove due binari (persone) percorrono la vi(t)a insieme. La comparsa di 小三 xiǎo sān indica l’uscita dai binari predefiniti, e il matrimonio è deragliato.

Xiǎo lǎopó

小老婆

Amante (donna)

Nell’antica Cina la poligamia era consentita. Non solo l’imperatore aveva uno stuolo di concubine, ma era usanza assai comune anche nelle famiglie aristocratiche, dei mercanti e tra tutti quelli che potevano permettersi di sostentare più mogli.

Quindi, mentre la prima moglie era la 大老婆 dà lǎopó, o “grande moglie”, tutte le altre erano chiamate 小老婆 xiǎo lǎopó. Per la precisione, si usava indicarle in ordine crescente: 小三 xiǎosān “piccola terza”, 小四 xiǎo sì “piccola quarta” e così via.